angelo greco avvocato siena

Facebook

© Studio Legale Avv. Angelo C.F. GRCNGL78R06L049F P.IVA 02950140737

angelo-greco@alice.it

+39 320 165 2087

Cerca
Menu
 

USA UN COLTELLO DA 7 CM PER DIFENDERSI DA UN ENERGUMENO. LEGITTIMA DIFESA ?

Angelo Greco > Blog  > USA UN COLTELLO DA 7 CM PER DIFENDERSI DA UN ENERGUMENO. LEGITTIMA DIFESA ?

USA UN COLTELLO DA 7 CM PER DIFENDERSI DA UN ENERGUMENO. LEGITTIMA DIFESA ?

Non si può escludere in astratto la legittimità di una difesa portata attraverso un coltello (ove questo risulti l’unico strumento possibile per il soggetto fisicamente più debole) dinnanzi all’aggressione di un energumeno, seppur disarmato.

Così la Quinta sezione della Cassazione (sent. del 6 settembre 2016) che ha accolto il ricorso di Tizio avverso la sentenza della Corte d’appello di Catanzaro di condanna per lesioni personali (così riqualificato l’originaria imputazione di tentato omicidio), commesso in danno di Caio.

Il fatto.

Tizio e Caio si erano resi protagonisti di una colluttazione, nata da un diverbio conseguente ad una denuncia presentata da Tizio a carico di Caio per abuso edilizio: durante la lite, i due si erano affrontati a mani nude, ma ad un certo punto Tizio avevo estratto un coltello dalla tasca, attingendo Caio all’addome.

Ricorre in cassazione Tizio, dolendosi, tra l’altro, della mancata applicazione dell’art. 52 c.p. (Legittima difesa), posto che gli stessi giudici d’appello precisarono come la contesa tra imputato e parte civile derivò da un’iniziativa di quest’ultima che, peraltro era in grado di sopraffare l’imputato per differenza di costituzione fisica ed età. Tizio si era limitato a difendersi con l’unico strumento disponibile, percependo una situazione di imminente pericolo per la propria incolumità. Infatti, sferrato l’unico colpo col coltello, arrestò immediatamente la propria azione, consentendo alla polizia giudiziaria di rinvenire il coltello stesso. In definitiva, Tizio non ebbe modo di discernere alternative rispetto alla necessità di reagire all’aggressione, stante l’attualità del pericolo e l’impossibilità di calibrare la reazione.

La Suprema Corte, nel condividere la tesi del ricorrente, aggiunge: costituisce regola di esperienza che colui che sia reiteratamente aggredito reagisce come può, secondo la concitazione del momento, non essendo tenuto a calibrare l’intensità della reazione, finalizzata ad indurre la cessazione della avversa condotta lesiva, salva l’ipotesi di eventuale manifesta sproporzione della reazione rispetto all’aggressione subita (conforme, Sez. V, 24/2/2011, Feraci).

La Cassazione ha, dunque, rinviato alla Corte d’appello, perchè valuti l’applicazione della legittima difesa, verificando l’eventuale sussistenza di un’ipotesi di eccesso colposo ex art. 55 c.p.

#legittima #difesa #coltello #arma #disarmato #energumeno #cassazione#eccesso #colposo #colluttazione #rissa #lite #mani #nude #proporzione

Non ci sono commenti

Leave a Comment