Facebook

Sito Web Realizzato da Your Web Site Evolution

16:00 - 20:00

Orari Lunedì-Venerdì

320 165 2087

Telefono

Facebook

Cerca
Menu

TRUFFA DEL PROMOTORE FINANZIARIO

Angelo Greco > Blog  > TRUFFA DEL PROMOTORE FINANZIARIO

TRUFFA DEL PROMOTORE FINANZIARIO

TRUFFA DEL PROMOTORE FINANZIARIO: la banca ne risponde in solido

Il cliente-risparmiatore di una banca, truffato dal promotore finanziario che agisce in suo nome, può chiedere direttamente alla banca il risarcimento dei danni subiti.

Lo ha stabilito il Tribunale di Napoli, sentenza 12 novembre 2014, accogliendo, in parte, la domanda di un investitore.

I fatti.

Tizio, cliente della Banca Bassotti, effettuava diversi versamenti in contanti, per un totale di circa € 26.000, nelle mani del promotore della sua banca, con il quale aveva progressivamente instaurato un rapporto confidenziale e nel quale aveva riposto la propria fiducia, anche in considerazione della circostanza che aveva quali clienti investitori anche alcuni suoi amici.

Nel 2007, però, allarmato dalla notizia del tentato suicidio del promotore, aveva chiesto alla banca una informativa sulla propria posizione, dalla quale era emersa la mancata registrazione degli investimenti, i quali risultavano, quindi, mai eseguiti.

Da qui l’azione per il risarcimento del danno nei confronti del promotore e della banca.

La motivazione della sentenza del tribunale partenopeo.

Ricorda il Tribunale, in linea con il trend giurisprudenziale in materia, che l’art. 31 comma 3 Dlgs 58/1998 dispone che la banca proponente è responsabile in solido dei danni arrecati a terzi dal promotore finanziario nello svolgimento delle incombenze affidategli. La responsabilità solidale del proponente per gli eventuali danni arrecati a terzi nello svolgimento delle mansioni affidate ai promotori finanziari configura un’ipotesi speciale di responsabilità riconducibile a quella contemplata in via generale dall’art. 2049 c.c. a carico dei padroni e dei committenti per i fatti illeciti dei domestici e dei commessi.

Nel caso in esame, la banca non ha fornito prova di aver utilizzato la diligenza richiesta per andare esente da responsabilità nei confronti degli investitori per fatto illecito dei promotori.

Non ci sono commenti

Leave a Comment