angelo greco avvocato siena

Facebook

© Studio Legale Avv. Angelo C.F. GRCNGL78R06L049F P.IVA 02950140737

angelo-greco@alice.it

+39 320 165 2087

Cerca
Menu
 

OMICIDIO STRADALE (ART. 589-BIS C.P.)

Angelo Greco > Blog  > OMICIDIO STRADALE (ART. 589-BIS C.P.)

OMICIDIO STRADALE (ART. 589-BIS C.P.)

OMICIDIO STRADALE (ART. 589-BIS C.P.)
FUGA (ART. 590-TER C.P.)
LESIONI STRADALI (ART. 590-BIS C.P.)
REVOCA DELLA PATENTE DI GUIDA (ART. 222 CDS)

 

Annunciato da tempo, anche dietro la spinta mediatica, è stato varato il nuovo delitto di Omicidio stradale, con pene davvero elevate, unitamente al delitto di lesioni stradali e fuga.

Vediamo nel dettaglio come sia stato riformato il codice penale e in parte il codice di procedura penale, nonchè il codice della strada.

Dopo l’art. 589, è stato aggiunto l’art. 589-bis.

1. Chi cagiona per colpa la morte di una persona con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale (reclusione da 2 a 7 anni).

2. Chi cagiona per colpa la morte di una persona ponendosi alla guida di un veicolo a motore in stato di ebbrezza alcolica superiore a 1,5 g/l o di alterazione conseguente all’assunzione di sostanze stupefacenti (reclusione da 8 a 12 anni).

3. Il conducente professionale (esercente attività di trasporto di persone o cose; conducente di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t, di autoveicoli trainanti un rimorchio che comporti una massa complessiva totale a pieno carico dei due veicoli superiore a 3,5 t, di autobus e di altri autoveicoli destinati al trasporto di persone il cui numero di posti a sedere, escluso quello del conducente, è superiore a otto, nonché di autoarticolati e di autosnodati) in stato di ebbrezza alcolica superiore a 0,8 g/l che cagiona per colpa la morte di una persona (reclusione da 8 a 12 anni).

4. Chi cagiona per colpa la morte di una persona ponendosi alla guida di un veicolo a motore in stato di ebbrezza alcolica superiore a 0,8 g/l (reclusione da 5 a 10 anni).

5. Chi cagiona per colpa la morte di una persona ponendosi alla guida di un veicolo a motore:
– in centro urbano ad una
velocità pari o superiore al doppio di quella
consentita e comunque non inferiore a 70
km/h, ovvero su strade extraurbane ad una
velocità superiore di almeno 50 km/h rispetto
a quella massima consentita, cagioni
per colpa la morte di una persona;
– attraversando un’intersezione con il semaforo
disposto al rosso ovvero circolando
contromano;
– a seguito di manovra di inversione del
senso di marcia in prossimità o in corrispondenza
di intersezioni, curve o dossi o a seguito
di sorpasso di un altro mezzo in corrispondenza
di un attraversamento pedonale o
di linea continua (reclusione da 5 a 10 anni).

6. La pena è aumentata se il fatto è commesso
da persona non munita di patente di guida o
con patente sospesa o revocata, ovvero nel
caso in cui il veicolo a motore sia di proprietà
dell’autore del fatto e tale veicolo
sia sprovvisto di assicurazione obbligatoria.

7. Se l’evento non sia esclusiva conseguenza
dell’azione o dell’omissione del colpevole,
la pena è diminuita fino alla metà.

8. Se il conducente cagioni la morte di
più persone, ovvero la morte di una o più
persone e lesioni a una o più persone, si applica
la pena che dovrebbe infliggersi per la
più grave delle violazioni commesse aumentata
fino al triplo, ma la pena non può superare
gli anni 18.

Dopo l’art. 589-bis è stato normato l’art. 589-ter (Fuga del conducente in caso di omicidio stradale), a tenore del quale, nel caso di cui all’art. 589-bis, se il conducente si
dà alla fuga, la pena è aumentata da un
terzo a due terzi e comunque non può essere
inferiore a 5 anni.

Dopo l’art. 590 c.p. (lesioni colpose) è previsto l’art. 590-bis, che costruisce, simmetricamente alla disciplina dell’omicidio stradale, il reato di lesioni colpose gravi o gravissime (con pene ovviamente più elevate rispetto a quanto previsto dall’art. 590 c.p.).

Importante è il nuovo Art. 590-quater, riguardante il c.d. computo delle aggravanti. Infatti, quando ricorrono le circostanze
aggravanti di cui agli artt. 589-bis, comma 2, 3, 4, 5, 6,
589-ter, 590-bis, comma 2, 3, 4, 5, 6, e 590-ter, le concorrenti
circostanze attenuanti, diverse da quelle
previste dagli artt. 98 (fatto compiuto da chi ha compiuto i 14 ma non ancora i 18 anni di età) e 114 (attenuanti nel concorso di persone nel reato), non possono
essere ritenute equivalenti o prevalenti rispetto
a queste e le diminuzioni si operano
sulla quantità di pena determinata ai sensi
delle predette circostanze aggravanti.

Dunque, le aggravanti risultano blindate.

E’ previsto, inoltre, l’Arresto obbligatorio in flagranza nel caso di omicidio stradale (art. 589-bis, comma 2 e 3 c.p.) e l’Arresto facoltativo in flagranza nel caso di lesioni colpose stradali gravi o gravissime (art. 590-bis comma 2, 3, 4, 5 c.p.).

Pesante l’intervento in tema di revoca della patente di guida.
Infatti, ai sensi dell’art. 222 cod. strada, in caso di condanna o
patteggiamento per i reati di cui agli artt. 589-bis e 590-bis c.p., consegue la revoca della patente di guida, anche se viene concessa la sospensione condizionale della pena.

Lunghissimi i tempi per riottenere la patente.
Bisognerà attendere:

– 5 anni, nel caso di reato di cui agli artt. 589-bis, comma 1, e
590-bis c.p.; diventano 10 anni se l’interessato sia stato in
precedenza condannato per i reati di guida in stato d’ebbrezza e droga; diventano 12 anni se l’interessato si sia dato alla fuga

– 10 anni, nel caso di cui al reato di cui all’art. 589-
bis, comma 5; diventano 20 anni se l’interessato sia stato in
precedenza condannato per i reati di guida in stato d’ebbrezza e droga; diventano 30 anni se l’interessato si sia dato alla fuga

– 15 anni, nel caso di cui all’art. 589-bis comma 2, 3, 4,

Non ci sono commenti

Leave a Comment