angelo greco avvocato siena

Facebook

© Studio Legale Avv. Angelo C.F. GRCNGL78R06L049F P.IVA 02950140737

angelo-greco@alice.it

+39 320 165 2087

Cerca
Menu
 

FIGLIO DISCONOSCIUTO? STOP ALL’ASSEGNO DI MANTENIMENTO

Angelo Greco > Blog  > FIGLIO DISCONOSCIUTO? STOP ALL’ASSEGNO DI MANTENIMENTO

FIGLIO DISCONOSCIUTO? STOP ALL’ASSEGNO DI MANTENIMENTO

L’accoglimento della domanda giudiziale di impugnazione del riconoscimento per difetto di veridicità è fondato sull’accertamento dell’inesistenza del rapporto biologico di filiazione tra l’autore del riconoscimento e il riconosciuto.

Tale accoglimento comporta, per un verso, l’eliminazione della certezza formale creata dal riconoscimento e, per altro verso, la creazione di una diversa certezza, identificata, appunto, nell’inesistenza del rapporto biologico.

Da tale premessa discende che l’accoglimento della domanda, in quanto fondato sull’accertamento dell’inesistenza del rapporto biologico di filiazione (che rappresenta il presupposto del diritto al mantenimento in favore del riconosciuto), non può che dispiegare i suoi effetti retroattivamente, dal momento che la sentenza, più che porsi come fonte della costituzione, della modifica o dell’estinzione di un rapporto giuridico, ha come contenuto fondamentale l’accertamento del reale stato di famiglia delle parti.

A ribadirlo, la Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 23973/15; depositata il 24 novembre, rigettando il ricorso di Caia avverso la sentenza della Corte d’appello di Bologna che aveva rigettato il gravame proposto da Caia nei confronti della decisione di primo grado, che, dopo avere accolto l’impugnazione per difetto di veridicita’ del riconoscimento della paternità di Tizio, aveva disatteso la domanda riconvenzionale proposta da Caia volta ad ottenere la corresponsione delle somme previste per il suo mantenimento in occasione della separazione consensuale intercorsa tra Tizio e Caia.

Non ci sono commenti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: